Alla scoperta del territorio

Campania

Caratteristiche del Territorio

Il territorio campano è prevalentemente collinare (50,8%), il 34,6% montuoso e 14,6% pianeggiante. È  costituito dall’Appennino Campano che scende verso la costa tirrenica con catene montuose alternate e gruppi montuosi posizionati in modo irregolare. Il gruppo della Sella di Conza, divide l’Appennino Campano da quello Lucano.

A nord sono situati i Monti del Matese ai quali appartiene la cima più alta della Regione con i suoi 2050 metri. Si prosegue con i Monti del Sanni, i Monti dell’Irpinia e il gruppo dei Monti Picentini. La Penisola Sorrentina è formata dai Monti Lattari. La ricca zona del Cilento compresa tra il Golfo di Salerno e il Golfo di Policastro, dà vita ad una fiorente produzione agricola e di pascoli. Le coste sono frastagliate e formano quattro golfi: il Golfo di Gaeta, il Golfo di Napoli, il Golfo di Salerno e il Golfo di Policastro. A nord troviamo il Golfo di Gaeta che per metà è territorio laziale.

Caratteristiche Gastronomiche

La cucina della Campania vanta molte eccellenze agroalimentari e prodotti tipici e insieme alla regione Toscana detiene il primato in Italia. Si avvale di ingredienti semplici ma è caratterizzata anche da pietanze più elaborate grazie alle influenze francesi e spagnole. Uno dei piatti più rinomati e apprezzati, è sicuramente la pizza che eredita il suo nome dalla regina Margherita di Savoia.

Pomodori di san Marzano, la Mozzarella di Bufala, le mele annurche, i limoni di Sorrento, le pizzette fritte, i calzoni ‘mbuttunati… Insomma, chi più ne ha più ne metta! Per quanto riguarda l‘arte dolciaria, nella top ten si annoverano: la pastiera, le sfogliatelle, la torta caprese, le zeppole, i roccocò, il migliaccio, i mostacciuoli, il casatiello dolce, il babà e i famosi struffoli che si preparano nel periodo natalizio.

Caratteristiche Enologiche

Uno dei tanti tesori della regione Campania è costituito dal ricco patrimonio enogastronomico che vanta una lunga tradizione. In Campania la percentuale dei vini DOC e DOCG sul totale della produzione regionale non supera il 10%. In Campania ci sono 3 DOCG: Taurasi, Greco di Tufo e Fiano di Avellino.

Molti pregevoli DOC vengono prodotti da uve in gran parte autoctone come l’Aglianico, l’Asprinio, il Biancolella, la Falanghina, il Piedirosso e lo Sciascinoso. La Costiera Amalfitana-Sorrentina è famosa per il Limoncello, prodotto con una celebre specie autoctona di limoni. L’amaro Strega, di Benevento, è un digestivo rinomato.

Galleria